Monday, October 14, 2013

L'angelo caduto (Angelfall) - Susan EE



Titolo/ Title: L'angelo caduto /Angelfall 
Autore/ Author: Susan EE
Series: Penryin and the End of Days #1
Casa Editrice/ Publisher: FanucciAmazon Children Publishing
Published: 2013 (IT) / 2012 (US)
Pagine/ Pages: 314 (IT) / 274 (US)
Genere / Genre: young adult, angels, post-apocaliptyc 
Link: Amazon.it, Amazon.com, Anobii, Goodreads, Bookdepository
Rating: 

Sommario: Una storia d’amore e apocalisse, nel solco dei romanzi distopici più appassionanti e suggestivi, con un’eroina coraggiosa e combattiva come Katniss di Hunger Games.
Un esercito di angeli sterminatori ha attaccato la Terra: dopo poche settimane la violenza dilaga ovunque, insieme alla paura e alla superstizione. Nella Silicon Valley ostaggio delle gang, la diciassettenne Penryn cerca di sopravvivere e proteggere la sua famiglia, fino a quando gli angeli guerrieri non rapiscono sua sorella minore, la più fragile, la più indifesa. L’unico modo per salvarla è affidarsi a un nemico, un angelo che ha perso le ali in combattimento e ora ha bisogno, come Penryn, di raggiungere la roccaforte delle crudeli creature alate a San Francisco. Nel viaggio che li porterà alla città, Penryn e Raf impareranno a contare solo l’una sull’altro, in un deserto in cui regnano la devastazione e il sospetto e in cui il pericolo è dietro ogni angolo.

Mi spiace un po' ricominciare con una recensione negativa, ma purtroppo ogni tanto (a volte più spesso di quanto vorrei) mi capita tra le mani qualche libro deludente.

Questa volta ci sono rimasta molto male, forse perché i pareri entusiasti dei blogger d'oltreoceano e le prime recensioni che spuntavano anche qua in Italia facevano ben sperare. Magari mi sono fatta aspettative troppo alte? Non lo so. Fatto sta che L'angelo caduto è stato per me una lettura piatta, banale e per nulla coinvolgente.

La trama non sembrava poi così pessima: angeli, apocalisse, una ragazzina disposta a tutto per far sopravvivere la sua famiglia… okay, forse non sarebbe stato il libro più originale del mondo, ma mi attirava. Purtroppo, dopo le prime cinquanta pagine, mi sono dovuta arrendere all'evidenza: il libro proprio non mi piaceva.

Partiamo dalla protagonista, ovvero Penryn, una ragazza diciassette che si occupa della madre pazza e della sorellina, andando a cercare cibo negli edifici abbandonati, cercando di non farsi beccare dalle gang e dagli angeli. Sfortunatamente un giorno la sorellina Paige, disabile, viene presa da un angelo, a seguito di una lotta angelica a cui le due avevano assistito per sbaglio. Nel tentativo di scoprire dove sia stata portata, Penryn si allea con Raf, un angelo a cui sono state tagliate le ali e che lei, in preda a un istinto, aveva salvato. Tra i due pian piano nasce una certa intesa e si instaura quasi un rapporto di fiducia e amicizia mentre vanno alla ricerca di Paige.

Chiaramente nella storia troverete intrighi, ostacoli, tradimenti e tutto il resto, ma il problema principale per me rimangono i personaggi. Non ho provato empatia per la situazione di Penryn, non ho sentito la sua angoscia, il suo dolore e di certo non mi è sembrato il personaggio forte che ci viene presentato. Altrettanto anonimo Raf, il bellissimo angelo senza ali con la risposta sempre pronta. Rimane ambiguo, ma non in modo interessante, risulta semplicemente incompleto. Fortunatamente non scatta l'amore a prima vista tra i due, o avrei abbandonato subito la lettura. Altro personaggio che sicuramente nasconde qualcosa è la madre di Penryn, pazza, ma che sembra lasciar presagire una certa evoluzione. Tutti gli altri personaggi si perdono in una marea non ben definita di nomi e nessuno mi ha colpito.

Anche la narrazione non ha brillato: piatta, con dialoghi secchi e senza sentimento. Certo, c'è molta azione, ma in generale la lettura per me è andata avanti più per il fatto che volevo finire il libro che per effettivo coinvolgimento.

Unica nota degna di interesse è il mondo angelico, che cui viene dipinto come cupo, violento e dissoluto. Una visione un po' diversa, che aveva molto potenziale, ma che per me non è stato sviluppato in maniera adeguata.

E poi... per favore, basta con i paragoni a Hunger Games. Anzi, basta paragonare libri tra loro. 





Synopsis: It's been six weeks since angels of the apocalypse descended to demolish the modern world. Street gangs rule the day while fear and superstition rule the night. When warrior angels fly away with a helpless little girl, her seventeen-year-old sister Penryn will do anything to get her back.

Anything, including making a deal with an enemy angel.

Raffe is a warrior who lies broken and wingless on the street. After eons of fighting his own battles, he finds himself being rescued from a desperate situation by a half-starved teenage girl.

Traveling through a dark and twisted Northern California, they have only each other to rely on for survival. Together, they journey toward the angels' stronghold in San Francisco where she'll risk everything to rescue her sister and he'll put himself at the mercy of his greatest enemies for the chance to be made whole again.

I'm a little bit upset because I'm starting with a negative review, but sometimes (more often than I actually like) it happens to read a book that disappoints you.

This time I was really very disappointed, maybe because I read great reviews by my fellow US bloggers and the first Italian ones were positive, too. Maybe my expectations were a bit too high? I don't know. Truth is, for me Angelfall was a flat, absolutely non-convincing reading.

The plot didn't seem so bad: angels, apocalyptic setting, and a girl ready to do everything to make her family survive… okay, maybe it wasn't the most original story, but I was captivated. Unfortunately, after the first 50 pages, I was forced to admit my defeat: the book just wasn't for me.

Let's start with the protagonist, Penryn, a 17-year-old girl who has to take care of her crazy mother and her disabled sister, looking for food in abandoned buildings, trying not to attract the attention of gangs or of the angels. Unfortunately, one day she witnesses a fight among angels and her sister is taken away. In an attempt to find her sister, she rescues an angel whose wings have been cut off. Together with Raffe, the now fallen angel, she will try to reach the place where angels may have taken her sister. The two of them slowly develop a certain kind of trust and friendship and try to protect each other.

Obviously you will find obstacles, betrayal, unexpected twists and everything else, but my major issues with the book were the characters. I didn't feel anything for Penryn's situations, didn't feel her anguish, her pain and she didn't appear to be the strong girl she supposed to be. Even Raffe, the beautiful angel, is absolutely flat and his lines were not witty. Luckily, there was no 'love at first sight' or I would have put the book down and not bother finish it. Penryn's crazy mother actually seems interesting and probably will further develop in the series, but there was so much in the story and so little was explained that I didn't really care.

I also found the narration wasn't that brilliant, with cold dialogues, with no feelings in them. There is quite a lot of action, but overall I went on reading because I wanted to finish the book soon and not because I felt involved in the events.

One thing that I did like was the angelic world: a dark, violent and corrupted society, very far from the traditional view. There was so, so much potential in it, but I felt it wasn't developed quite enough.




1 comment:

  1. Ciao Lucy!!!! Bentornataaaaaaaaaaaaaa!!! <3 <3
    Ho letto la tua recensione ritrovandomi in tutto ciò che hai scritto, anche a me Angelfall non mi ha conquistata come speravo, mi ha parecchio delusa... libro troppo sopravvalutato secondo me!
    un bacione e al prossimo post ;)

    ReplyDelete